Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Siena, traffico eccessivo in viale Toselli

viale Toselli viale Toselli

La questione del traffico resta centrale nella zona di viale Toselli. Troppe macchine transitano nell'area, nella strada, e lo fanno su una via di comunicazione antica e non adeguata per quelli che sono i crismi della modernità. Non lo si scopre oggi, certo: il problema esiste ormai da molti anni. Chi ha attività nella zona da un lato beneficia di questo enorme flusso di persone, tuttavia subisce anche le problematiche relative per l'appunto al traffico e pure agli incidenti automobilistici che talvolta qui si verificano. La speranza che gli esercenti e gli artigiani nutrono è che la bretella che dovrebbe nascere nella zona, la famosa "parallela" a viale Toselli, possa vedere la luce nel più breve tempo possibile.
La zona è comunque assolutamente viva, e continua ad essere scelta nel momento di far venire alla luce nuove attività: si pensi al nuovo McDonald's che è nato qui pochi mesi fa o alla palestra h24 aperta poco distante. Gianfranco Fusi, della Fusi & Fusi, è tra quegli artigiani che ha letteralmente dato vita a questa zona. "Era l'inizio degli anni Ottanta - ricorda - e l'area nacque con tante speranze. Che, devo dire, si sono anche realizzate e sono state mantenute, visto che tutte quelle attività negli anni hanno avuto successo e ne sono nate pure molte altre. Questa zona era nata come un'area artigiana, poi con il tempo è divenuta pure una zona commerciale. Va bene così, qui stiamo bene, tanti senesi passano da qui". Rimane però il grande problema del traffico. Che certamente condiziona anche le attività e i loro clienti, specie nelle ore di punta del mattino e del pomeriggio. Commenta al riguardo Fusi: "Oggi la zona è in completo degrado operativo. E se non si risolve il problema del traffico la situazione qui non potrà che peggiorare sempre più con il passare del tempo. A Siena manca un tratto della tangenziale, si tratta a mio avviso di una mancanza gravissima e con il tempo è stata proprio viale Toselli ad essere utilizzata con tale scopo. Qui, inoltre, è stato costruito di tutto e questi sono i risultati". "La speranza - prosegue Fusi - è che possa essere realizzata la bretella, un progetto che esiste da anni ma che non ha trovato ancora attuazione e realizzazione. Vista la situazione attuale fare la bretella sarebbe come prendere un'aspirina quando hai il mal di testa. Non risolverebbe tutti i problemi esistenti, ma darebbe comunque alcune risposte. Credo che un'altra risposta potrebbe essere data modificando quello che è l'attuale transito da viale Toselli di tante tipologie di pullman: da qui passano pollicini, autobus provinciali e pure quelli nazionali. Si potrebbe anche pensare semplicemente di spostare le fermate di questi mezzi: attualmente quando si fermano bloccano il traffico. Buono è stato a mio avviso il posizionamento degli spartitraffico, che hanno ridotto l'incidentalità nella via".
Parlano della situazione del traffico anche Edoardo Draghi e Marco Tassi, che lavorano nell'attività L'isola dei tesori. "È certamente una buona cosa avere un'attività in questa zona, da viale Toselli transitano moltissimi senesi - sono le loro parole. - Il traffico è congestionato, soprattutto al mattino dalle ore 7,45 alle 9,30 e al pomeriggio dalle 17 alle 18,30. Molti clienti si lamentano della situazione che si viene a creare in quegli orari della giornata".
"È naturale che i clienti si lamentino del traffico eccessivo - affermano Simone Giorgetti, Loretta Deias e Stefanie Fletcher dell'agenzia Il Mangia Viaggi. - La rotonda ai Due Ponti non ha prodotto i risultati attesi, certamente la parallela a viale Toselli risolverebbe un po' di problematiche. Gli spartitraffico che sono stati installati non ci piacciono: c'è poco margine sulla strada, a volte si sono verificati problemi anche per il passaggio delle ambulanze e dei mezzi di soccorso. Qui, comunque, stanno continuando a nascere nuove attività: un fast food, una palestra, ciò significa che la zona è assolutamente viva".

Gennaro Groppa è nato a Siena il 9 gennaio 1982. Laureato nel 2006 all'Università degli studi di Siena, nel corso di Scienze della comunicazione della facoltà di Lettere. Nella formazione universit...