Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Il Siena di Montanari contro la nuova società del Comune: "Richiesta inopportuna, ci tuteleremo"

montanari presidente del Siena

Dopo la decisione del Comune di creare un nuovo Siena da iscrivere alla serie D in sovrannumero, non si è fatta attendere la risposta della società del presidente Montanari dopo quasi due mesi di silenzio. E annuncia battaglia. Per prima cosa "comunica di aver provveduto al deposito innanzi al Collegio di garanzia dello sport del Coni del ricorso proposto avverso la determina con la quale il Consiglio federale ha deliberato l'esclusione della prima squadra dal campionato di Lega Pro e, in tal senso, attende fiduciosa l'esito". Poi parte l'assalto per aver appreso appunto cosa ha deciso di fare il sindaco Nicoletta Fabio: "Acr Siena 1904 spa non può che stigmatizzare con forza siffatto operato ricordando - in primo luogo all'amministrazione comunale - che non solo il titolo sportivo assegnato dallo stesso Comune di Siena è certamente nella esclusiva disponibilità della società, ma che in tale prospettiva è ferma intenzione della stessa Acr Siena 1904 spa di tutelare le proprie ragioni in ogni stato e grado innanzi a tutte le autorità giudiziarie competenti". E poi: "Il settore giovanile è un patrimonio, questo è vero, ma privato e non pubblico, del Siena calcio e non del Comune di Siena, questo perché letteralmente costruito e finanziato unicamente dalla società Acr Siena 1904 spa, e chiunque vorrà disporne, in parte o del tutto, dovrà semplicemente comprarlo, ovvero pagarlo al prezzo che verrà ritenuto congruo dall'unico proprietario". Infine "la richiesta formulata dal sindaco di Siena è dunque non solo del tutto inopportuna ma anche certamente erronea nei suoi presupposti di fatto e di diritto. In tale prospettiva, attesa la gravità dell'iniziativa unilateralmente assunta dall'amministrazione comunale - certamente idonea ad arrecare gravi danni di cui la Acr Siena 1904 spa sin da ora si riserva di chiedere il ristoro - si comunica di aver già fornito mandato all'ufficio legale affinché proceda alla tutela dei diritti e delle posizioni della medesima Acr Siena 1904 spa innanzi a tutti gli organi competenti".