Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Siena, il priore della Giraffa Gianni Mazzoni: "La storia di famiglia legata a quella del rione"

Gianni Mazzoni - priore della Giraffa Gianni Mazzoni - priore della Giraffa

È dunque Gianni Mazzoni il nuovo priore della contrada della Giraffa. Così ha deciso il popolo del rione di Via delle Vergini che si è recato al voto (si sono registrati 254 votanti) e ha scelto la propria dirigenza. Gianni Mazzoni è il nuovo priore con l'85% dei voti in suo favore, mentre nel ruolo di capitano è stato confermato Guido Guiggiani.
Priore Gianni Mazzoni, quali sono le sue emozioni nell'andare a rivestire questa carica?
L'emozione è forte, è un grandissimo onore. Poi l'emozione lascerà spazio a quello che sarà il lavoro da fare, quindi a breve inizieremo a confrontarci con i vicari per fare il punto della situazione. Ovviamente questi sono momenti nei quali il sentimento è forte, successivamente verrà fuori il lato razionale e dovremo dunque concentrarci sull'attività da realizzare e da portare avanti.
La sua famiglia è storicamente legata ai colori della contrada della Giraffa.
È così da almeno duecento anni. Mi onora poter proseguire una tradizione familiare di questo tipo, si porta avanti e si conferma un percorso che va avanti da secoli. In famiglia abbiamo un capitano vittorioso, Giuseppe Mazzoni, la Giraffa vinse il Palio dell'agosto 1929 (trionfò la cavalla scossa Orfanella, ndr). E abbiamo anche altri dirigenti giraffini della seconda metà dell'Ottocento. È una tradizione familiare che ha anche alcune curiosità: mio babbo, ad esempio, nacque il 25 settembre 1913, il giorno che si corse il Palio straordinario dedicato al Congresso delle scienze. E anche in quel caso a vincere fu la Giraffa.
Il suo pensiero dopo le votazioni, dunque, è andato subito alla sua famiglia.
Certo. È impossibile non pensare alla tua famiglia in un momento simile. Ma ho pensato anche ai tanti giraffini che negli anni ho avuto modo di conoscere e con i quali c'è stato un rapporto di amicizia. Alcuni di loro non ci sono più, ho pensato tanto a loro.
La Giraffa ha vissuto un periodo non semplice dopo la morte di Raffaello Ginanneschi.
È stato un durissimo colpo per il rione. Lello se n'è andato troppo presto, è ovvio che tutti i giraffini pensino tantissimo a lui. La contrada ha vissuto un periodo che non è stato certamente semplice, io non posso che fare i complimenti al seggio che ha dovuto affrontare una situazione assai difficile ma che ha continuato a lavorare con solerzia e con impegno, nonostante che la situazione e il contesto emotivo fossero certamente complicati. Faccio i complimenti anche a Edoardo Giomi per tutto quello che ha fatto, provo per lui un senso di gratitudine per l'impegno che ha messo in tutte le attività portate avanti.
Che momento sta vivendo la Giraffa?
Complessivamente vedo un bel fermento, ci sono tanti giovani nel rione. C'è voglia di incontrarsi, di vedersi, di svolgere attività. Ma d'altronde la contrada è una grande famiglia, per un senese è uno dei primi mattoni della propria identità.
Cosa ha voluto dire al popolo giraffino?
Ho detto che metterò il massimo impegno e la massima serietà nel ruolo che andrò a rivestire. Mi auguro che ci sia sempre grande partecipazione e tanto lavoro per il bene comune.
C'è qualche frase particolare che le è stata rivolta e che le rimane nel cuore?
Ho ricevuto tantissime manifestazioni di affetto, sono veramente felice. Nei miei pensieri ci sono tanti contradaioli con i quali ho condiviso bellissimi momenti. Come le dicevo prima alcuni di loro purtroppo non ci sono più. Ne ricordo uno per tutti, venuto a mancare di recente: Marcello Brogi, detto Alceste. Lo cito come simbolo dei contradaioli giraffini di quella generazione. È stato un esempio di attaccamento alla contrada, portatore dei valori del rione e al tempo stesso una persona dotata di grande ironia.

Gennaro Groppa è nato a Siena il 9 gennaio 1982. Laureato nel 2006 all'Università degli studi di Siena, nel corso di Scienze della comunicazione della facoltà di Lettere. Nella formazione universit...