Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Palio di Siena, Piras: "Nel lotto di luglio metterei Anda e Bola, Zio Frac e anche Tale e Quale"

Stefano Piras Stefano Piras

Stefano Piras è uno dei fantini che si sta mettendo in evidenza in questa prima parte della stagione. A Monticiano ha dato spettacolo con Diamante Grigio, un cavallo giovane che ha dimostrato di avere una progressione notevole e che è stato autore di un terzo giro veramente fantastico. Diamante Grigio è un soggetto giovane che sta facendo vedere di avere ottime qualità; non è l'unico cavallo "nuovo" che sta evidenziando ottime cose nel percorso di addestramento di quest'anno. Ciò dimostra che il "parco" di soggetti è buono, sia per questa stagione sia in prospettiva per le prossime annate. Indicazioni assolutamente positive stanno quest'anno arrivando anche dai fantini giovani: Antonio Mula, Marco Bitti, Alessandro Cersosimo, Federico Fabbri stanno facendo assai bene.
Questo discorso vale anche per fantini più "navigati" come Stefano Piras ed Elias Mannucci che si stanno facendo vedere e apprezzare. Scangeo fino a oggi ha corso tre Palii: ha esordito nell'Aquila nell'agosto 2019 con Tottugoddu correndo una buona Carriera. Nel luglio 2022 nel Bruco con Uragano Rosso non ha avuto la possibilità di correre il Palio a causa della problematica vissuta prima del via alla corsa. Ad agosto corse nel Nicchio su Zio Frac. Il suo terzo e ultimo Palio in Piazza del Campo Piras lo ha corso nel luglio dello scorso anno nell'Aquila su Veranu.
Stefano Piras, a Monticiano lei ha dato spettacolo con Diamante Grigio.
Il cavallo sta facendo vedere di essere portato e adatto al Palio. Ogni corsa che fa riesce sempre a dare qualcosa in più. È molto giovane, ma è velocissimo e preciso. Fa bene sia quando corre davanti a tutti che quando è più indietro.
Lei si sta facendo vedere in questa provincia, è soddisfatto?
Quest'anno sto facendo abbastanza bene in provincia. Ho qualche rapporto con le dirigenze di contrada, magari ne ho meno rispetto a un tempo. Comunque continuo a lavorare in vista dei prossimi appuntamenti. Spero di montare a Fucecchio, sarò a Ferrara e a Bientina. E voglio chiudere bene la provincia.
Quest'anno in provincia si stanno mettendo in evidenza tanti giovani fantini: lei cosa ne pensa?
È vero, ci sono tanti giovani fantini che montano bene e che si stanno facendo vedere. Si preparano intensamente, poi occorre che gli incastri vadano nella maniera migliore perché possano esordire in Piazza del Campo.
Nella provincia di quest'anno si stanno mettendo in evidenza anche tanti cavalli, non solamente i soliti noti?
Sì, ma io i soliti noti li prenderei tutti per fare il lotto del Palio di luglio. Prenderei Anda e Bola, Zio Frac, Tale e Quale, Remorex, Viso d'Angelo, Tabacco. Questi cavalli sono conosciuti e hanno qualità.
Veranu si sta comportando molto bene nel percorso di addestramento.
È vero, sta dimostrando di andare forte, sta facendo benissimo. A mio avviso deve stare anche lui tra i dieci del lotto del Palio di luglio. Sto guardando le sue prestazioni in provincia, già lo scorso anno andava bene e ora sembra andare ancora più forte. Io lo rimonterei volentieri in un Palio.
Ci sono poi altri soggetti esperti e che hanno già corso il Palio in Piazza del Campo come Zenis, Vitzichesu, Tornada.
Sono cavalli importanti che si sono già adattati alla Piazza. Il loro valore è noto, non vanno dimenticati. Ci sono poi anche cavalli nuovi che vanno assai forte: penso ad esempio a Benitos, che mi piace molto. Per quanto riguarda i cavalli di 5 anni ce ne sono alcuni molto forti, ma forse sarebbe giusto farli crescere un altro anno prima di dare loro la possibilità di correre il Palio.

Gennaro Groppa è nato a Siena il 9 gennaio 1982. Laureato nel 2006 all'Università degli studi di Siena, nel corso di Scienze della comunicazione della facoltà di Lettere. Nella formazione universit...