Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Ventinove Comuni al voto nella provincia di Siena, la campagna elettorale è nel vivo

Monteriggioni_foto

Ormai non si scherza più. In tanti territori comunali la campagna elettorale in vista delle elezioni amministrative dell'8 e 9 giugno è comunque già accesa, in alcuni Comuni è addirittura infuocata, da settimane. Ormai sono scaduti i tempi per la presentazione delle liste. I nomi "sul piatto" ormai sono questi, con la bellezza di 29 Comuni che vanno al voto nella provincia di Siena. È una partita, come si capisce, assai rilevante per il territorio. Sia in un'ottica di quello che potrà essere il futuro presidente della Provincia sia per gli equilibri politici nella provincia senese. Il centrodestra dopo avere vinto per due volte consecutive nel capoluogo, prima con Luigi De Mossi e poi con Nicoletta Fabio, sogna di mettere a segno ancora dei colpi importanti, in Valdelsa come in Valdichiana. Il centrosinistra vuole difendere le proprie posizioni e anzi vittorie in Comuni di peso darebbero nuovo slancio al Pd senese, ora commissariato a Siena, e nuova linfa in vista delle importanti Regionali del prossimo anno. La sfida è aperta e lanciata.
Sia centrosinistra che centrodestra mettono in campo nomi di peso. Il Pd schiera e candida l'ex onorevole Susanna Cenni, che sogna di diventare ora il sindaco di Poggibonsi, e il manager della moda Riccardo Vannetti per Colle Val d'Elsa. E poi tanti sindaci in carica corrono per altri mandati: Fabrizio Nepi, già anche presidente della Provincia di Siena, per la conferma (e sarebbe il terzo mandato) a Castelnuovo Berardenga, Gabriele Berni a Monteroni d'Arbia, Giuseppe Gugliotti a Sovicille. Sono primi cittadini che da anni guidano le loro comunità e che nei precedenti turni elettorali hanno ottenuto buonissimi risultati. E ancora Andrea Frosini a Monteriggioni, Fabrizio Nucci ad Asciano, Alessandro Starnini a Rapolano Terme. Il centrodestra punta a ottenere qualche vittoria importante: a Poggibonsi la sfida è assai calda, il centrodestra punta su Angela Picardi. A Colle Val d'Elsa la scelta è ricaduta su Angela Bargi, e nel territorio colligiano c'è anche un "terzo incomodo" di rilievo come Piero Pii. A Sovicille si candida a sindaco il coordinatore provinciale di Forza Italia, ovvero Alessandro Pallassini. Sarà una delle sfide più intense, dato che si giocherà il ruolo di primo cittadino con un esponente importante della politica senese come Giuseppe Gugliotti. A Castelnuovo Berardenga il candidato sindaco del centrodestra è Lorenzo Rosso, esponente di Fratelli d'Italia.
E poi ancora in Valdichiana. La sfida è assolutamente aperta a Montepulciano, dove il sindaco in carica Michele Angiolini, esponente del Pd, ha vinto il 10 marzo le primarie del centrosinistra per appena due voti contro l'esponente dei socialisti Riccardo Pizzinelli. A marzo la conta dei voti ha dato tantissime emozioni: alla fine Angiolini ha ottenuto 910 preferenze e Pizzinelli 908. Il centrosinistra cercherà di ricompattarsi in vista di giugno, il centrodestra intanto punta forte su Gianfranco Maccarone e spera di conquistare il Comune. A Sinalunga il centrosinistra punta sulla conferma di Edo Zacchei, sindaco in carica. Il centrodestra candida un esponente importante di Fratelli d'Italia per il territorio senese come Mattia Savelli. Anche qui c'è un terzo incomodo di rilievo, vale a dire Angelina Rappuoli. Lo scenario a Monteriggioni è noto ai più. Da una parte c'è Andrea Frosini che cerca la conferma, sostenuto dalla coalizione di centrosinistra. Da un'altra parte c'è Raffaella Senesi. E c'è anche un altro candidato sindaco, perché la Lega punta su Moreno Giardini. Qui la battaglia politica è infuocata. Frosini e Senesi erano insieme in giunta comunale quando quest'ultima era sindaco del Comune che di torri si corona. Poi ci fu la spaccatura, con la candidatura a sindaco di Frosini e quella contemporanea di Senesi da avversaria e a capo di una lista civica. La sfida ora si ripropone, e il Carroccio mette in campo anche un suo candidato.
C'è invece chi "correrà da sola". È il caso di San Casciano dei Bagni, dove gli elettori troveranno sulla scheda solamente la lista di centrosinistra. Quella che ricandida al ruolo di primo cittadino Agnese Carletti. Si tratta di una sindaca che ha avuto grande visibilità, anche grazie agli eccezionali ritrovamenti archeologici nel territorio. Negli ultimi anni Agnese Carletti ha avuto grandissima visibilità, così come tutto il territorio di San Casciano dei Bagni. Nessuno la sfiderà in questa tornata elettorale. Per potersi confermare nel ruolo di primo cittadino le basterà che si registri un'affluenza alle urne almeno del 40% degli aventi diritto, e che almeno il 50% degli elettori che si recheranno a votare siglino il suo nome e la sua lista.
Anche i sindaci in carica di Radda in Chianti, Pier Paolo Mugnaini, e di Radicofani, Francesco Fabbrizzi, sono gli unici candidati alle elezioni comunali nei rispettivi territori comunali.

Gennaro Groppa è nato a Siena il 9 gennaio 1982. Laureato nel 2006 all'Università degli studi di Siena, nel corso di Scienze della comunicazione della facoltà di Lettere. Nella formazione universit...