Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Poggibonsi, la Fiom Cgil chiede una piattaforma sindacale unitaria sulla camperistica

Fiom Cgil su camperistica

La camperistica ha fatto registrare nel 2023 dei numeri record, con profitti per le aziende, utili e guadagni, assunzioni nel settore. Molto bene sono andate le aziende che operano in questo settore che sono situate in Valdelsa, dove sono occupate nella camperistica oltre mille persone. Tuttavia, a quanto pare, non è tutto oro quel che luccica. La Fiom Cgil ha indetto una conferenza stampa e si è rivolta soprattutto alla Fim Cisl, chiedendo di realizzare una piattaforma sindacale unitaria relativa al settore per parlare di alcune questioni che rimangono aperte: tra queste, le differenze salariali tra lavoratori, gli orari di lavoro, la formazione, la sicurezza. Presente alla conferenza stampa Iuri Campofiloni, delegato regionale della Fiom Cgil che si occupa di camperistica. Ha dichiarato, per l'appunto: "Chiediamo la realizzazione di una piattaforma sindacale unitaria per parlare della camperistica. Il settore ha ottenuto grandi risultati, con utili importanti nel corso del 2023. È il momento giusto per andare a parlare di temi come i salari e le differenze che oggi esistono anche all'interno di uno stesso stabilimento. L'obiettivo è in generale quello di migliorare la condizione sul posto di lavoro". E ancora: "La camperistica - ha detto Campofiloni - rappresenta oggi un terzo delle esportazioni toscane, il dato del 2023 registra un aumento del 169% di utili netti rispetto all'anno precedente. Ci sono stati guadagni e profitti rilevanti, il settore ha così certificato la propria eccellenza e la propria capacità di fare. Ora è il momento, insieme alla Fim Cisl, di aprire una fase di ascolto dei lavoratori del settore con l'obiettivo di raggiungere un maggior salario per i dipendenti, maggiori diritti, investimenti sulla sicurezza e di attenuare le differenze esistenti. Non ci deve più essere competizione tra lavoratore e lavoratore e tra stabilimento e stabilimento".
Nel corso della conferenza stampa è stato presentato l'esempio dei lavoratori del settore della camperistica della Trigano, "dove - hanno dichiarato i sindacalisti della Fiom Cgil - oggi esistono cinque tipi di salari differenti anche all'interno di uno stesso stabilimento. L'obiettivo è di superare quelle differenze salariali e normative che esistono all'interno dei siti produttivi".
Daniela Miniero, segretario generale della Fiom Cgil di Siena, ha affermato: "Dopo anni di crisi che è stata vissuta da questo settore le aziende ora attraversano un momento molto positivo. In passato sono state generate delle differenze salariali tra i lavoratori del settore, anche a seconda del momento nel quale i lavoratori sono stati assunti. Ora serve una contrattazione differente. Questo è un momento ottimale per intervenire e per far venire meno le differenze esistenti, che non sono solamente di tipo economico ma anche per quel che riguarda le condizioni di lavoro. In Trigano c'è un'ingiustizia sociale, con lavoratori che percepiscono differenti salari. Se questa azienda vuole realmente essere un modello deve presentarsi come tale. Rinnoviamo il nostro invito alla Fim Cisl ad affrontare insieme questi temi attraverso una contrattazione di settore, noi sindacati dovremmo dare esempio di unità".

Gennaro Groppa è nato a Siena il 9 gennaio 1982. Laureato nel 2006 all'Università degli studi di Siena, nel corso di Scienze della comunicazione della facoltà di Lettere. Nella formazione universit...