Per aprire questo sito web è necessario che javascript sia abilitato, correggi le impostazioni del tuo browser e ricarica la pagina. Buona lettura!

Le comunità dell'Amiata piangono Daniele Coppi

Cordoglio per la morte di Daniele Coppi

Profondo cordoglio ha destato la notizia della morte di Daniele Coppi, molto conosciuto in tutta l'Amiata. La Confesercenti di Abbadia San Salvatore così lo ricorda: "Una persona speciale, un amico prima ancora che un associato" secondo Damiano Romani. Nato nel 1957, Daniele Coppi era stato tra i principali fautori della nascita del Centro Commerciale Naturale di Abbadia San Salvatore. Esercente specializzato in articoli sportivi, dello sport aveva fatto un'esperienza di vita: appassionato sciatore, nelle specialità nordiche aveva ottenuto risultati importanti piazzandosi, tra l'altro, nei primi cento classificati della Marcialonga. A lui si deve il rilancio dello sci di fondo sia come istruttore che come curatore impeccabile delle piste sull' Amiata, prima in "equipe" con l'indimenticabile Dedo Viti, poi assecondato da altri appassionati della disciplina. E' stato anche tra i pionieri delle ciaspolate sull'Amiata, dando anche un tributo fondamentale alla crescita sia numerica che qualitativa del Museo minerario di Abbadia San Salvatore in cui prestava occasionalmente la propria opera volontaria. "Con la sua passione aveva fatto percepire la nostra montagna come la più grande palestra a cielo aperto dell'Italia centrale ? ricorda ancora Romani - il suo attaccamento alla terra in cui era nato e cresciuto rimarranno nel cuore di chi ha avuto la fortuna ed il privilegio di conoscerlo".